Pagine

mercoledì 6 febbraio 2013

Tutto è connesso

Se i Miserabili mette a dura prova la resistenza, questo film lo fa all'ennessima potenza. Molti non hanno retto fino alla fine... perchè è solo alla fine che capisci la trama e i continui flash back tra passato e futuro e il racconto di un'unica vicenda che si sviluppa nel corso dei secoli e in sei storie diverse.  Più che una continua reincarnazione dei protagonisti, la vita viene rappresentata come un unicum, una timeline che viene montata come un flusso intrecciato e continuo, a tratti come un gigantesco trailerone, più spesso indugiando sugli snodi, su quelle decisioni che cambiano direzione al proprio destino, su quelle porte aperte o meno. 
La morte e la vita sono solo una serie di porte che si aprono e si chiudono e noi le percorriamo.
Bellissimo ... ma solo per anime forti, anche perchè il film è lentissimo e capisco che è dura arrivare alla fine senza esserne profondamennte turbato.

5 commenti:

  1. non ho amato Matrix ... questo me lo risparmio :-)

    RispondiElimina
  2. è strano tanto effettivamente...

    RispondiElimina
  3. Per quanto riguarda "I Miserabili", sono rimasto ad una interpretazione con Gérard Depardieu, dove lavora benissimo. Ora però, dopo che ha deciso di espatriarsi per non pagare le tasse in Francia, non ne guarderò più alcuno dei suoi. Non vedo perché siano solo i poveri ed il ceto medio a pagare le imposte e quelli che dovrebbero sostenere di più se ne vanno per continuare il loro trand di vita. Come diceva mia nonna "Ti sei mangiato la carne, ora rosicchia le ossa" (vecchio proverbio che lei diceva in veneziano).
    Per quanto riguarda questo post, pensa che stavo leggendo ieri un libro di Werber, dove si afferma che, in realtà, la nostra vita è fatta di tanti siti paralleli e che noi passiamo da uno all'altro secondo le nostre decisioni del momento. Per esempio, se uno decide di cambiare lavoro, prende una certa direzione e se invece decide di suicidarsi ne prende un'altra. E' un po' spinta e si tratta comunque di un romanzo, ma perché no? Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io adoro Depardieu, il suo Cyrano de B. è mitico... ma mi è calato anche a me da quanto ho saputo la storia delle tasse...
      pensavo fosse fatto di altra pasta


      ...;)

      Elimina
  4. I Miserabili anche se bello mi attira un pò meno avendo 69 anni di lavori tetarali e cinematografici visti tanti oltre a libro mi attiva questo invece ora m'intriga il fantasy. Buona serata

    RispondiElimina