Pagine

martedì 6 novembre 2012

Quando un pomeriggio ti arriva una telefonata così...

Pronto?!!! ... Signora la volevo avvisare che oggi suo figlio non è entrato a scuola e che è andato in giro tutta la mattinata con la sua ragazza!!!

" ah davvero... grazie!!"... 

- "guardi che domani parlerò con il preside, rischia 3 giorni di sospensione"... "sà non può venire al Convitto a fare la doccia e dopo non andare a scuola come se niente fosse"!!! ... 

" si certo ha ragione... grazie ancora!"...

E così realizzi che sei proprio mamma e che dovresti incazzarti, quando invece ti viene da sorridere perché ti senti ancora ragazza dentro e ti ricordi dei tuoi tempi di scuola. 

Ma ti pare che questi poveri ragazzi non possono nemmeno fare sega che subito devono avvisare i genitori. Poveracci... sono sotto lo sguardo del grande fratello e delle telecamere, tutto super controllato.

Certo se mio figlio non và a scuola per un periodo di tempo lo voglio sapere, ma se fa sega un giorno chissene, l'ho fatto anche io. L'importante che al semestre mi porta i risultati e che comunque studi. 

Forse sono una mamma schellerata, ma mi viene ancora da sorridere... 

15 commenti:

  1. troppo carina questa cosa !!.. far sega a scuola per andare in giro con la fidanzatina!!..ma che bello!! ma certo, come si fa ad incazzarsi ? sorrido con te !

    RispondiElimina
  2. ricordo di un mio compagno che continuava a far sega pure quando la scuola era finita, perchè del resto non andandoci mai come faceva a sapere che era finita

    RispondiElimina
  3. Nel momento in cui ti viene detto, bisogna incazzarsi; ma questo non vuol dire che non puoi continuare a sorridere dentro...:)

    RispondiElimina
  4. Fare sega quando la scuola è finita... ahahah!!! Ti ammiro perché penso che tu abbia proprio ragione, peró il fatto che la scuola ti avvisi è una fregatura perché io credo che i genitori abbiano un ruolo nel "teatro della vita" e quindi nel momento in cui è palese che hai saputo che tu@ figli@ ha fatto qualcosa che non deve fare dovresti rimpoverarl@ per non trasmettergli un messaggio sbagliato... non parlo per te, ovviamente, ma in genere. Hai trasmesso bene l'idea dicendo che oggi siamo tutti, non solo i ragazzi, sotto la sguardo del "Grande Fratello".

    RispondiElimina
  5. Io non sono ancora mamma e forse ancora troppo vicina ai tempi della scuola, ma credo che tu non sia una mamma scellerata e sia giusto anche fare di queste esperienze per i ragazzi, non sempre ovviamente e senza riflessi negativi sullo studio :)
    In un giorno in cui ho saltato la scuola mi sono fidanzata con il mio attuale ragazzo, 12 anni fa... :)

    RispondiElimina
  6. Complimenti sei una mamma in gamba! Hai tutta la mia simpatia...Io quando ero giovane andavo sempre ai Murazzi in riva al Po...ihihihihih però non ero così controllata...
    Baciobacio

    RispondiElimina
  7. Arrabbiarsi bisogna arrabbiarsi, come si fa? Però anche io sotto sotto sorriderei ripensando a me stessa :)
    Baci!

    RispondiElimina
  8. ussignur....dopo la sigaretta questo diventerà il seocndo step?!? ufficialmente la sgridata di vuole...ma in effetti l'abbiamo fatto quasi tutti e questo almeno non fa male

    RispondiElimina

  9. diciamo che ufficialmente l'ho sgridato un po'... però dai, và dove ti porta il cuore!! Li capisco. Il pomeriggio sono super controllati essendo entrambi in convitto, i tutor con il fiato sul collo e l'orologio al polso.

    In fondo in fondo, la scuola bisogna proprio marinarla ogni tanto. E' utile alla formazione della personalità. Di questo ne sono convinta.
    Forse sarà perchè io l'ho fatto così poco...

    RispondiElimina
  10. Quoto Linda, e comunque se ho capito qual'è la scuola, poveraccio!

    RispondiElimina
  11. Beh, la scuola ha svolto il suo compito, non avrebbe potuto comportarsi diversamente, tu hai fatto il tuo: una sgridata ed una strizzatina d'occhi. In fondo, come dici tu, l'abbiamo fatto tutti e non è mai successo nulla di male. Certo, non dovrebbe diventare un'abitudine eheheheheh!

    RispondiElimina
  12. Arrivo un po' in ritardo lo so, ma sta scuola è proprio un tormento! Sarà che non sono abituata a fare la mamma che sgrida, ma ho capito che è indispensabile in certi casi (con mio figlio che chiede, pretende continuamente di andare a divertirsi, studia il minimo e si stupisce se prende qualche votaccio). Vado proprio a scriverci un post! Un saluto

    RispondiElimina
  13. Mi è piaciuta la tua presentazione.
    Sei simpatica e positiva.
    Tornero'
    Cristiana

    RispondiElimina
  14. La tua è stata una reazione saggia.

    RispondiElimina