Pagine

martedì 15 luglio 2014

Ritorno a...

Dovrei dire un ritorno dentro me stessa. Ho scoperto un ritorno a casa. Qualcosa che avevo sopito nel mio cuore ed era solo lì ad aspettarmi. Stò parlando di cucina e di ricette e di dolci. Perchè ormai era da tanto tempo che avevo bandito dalla mia vita la cucina e il cucinare. Forse per pigrizia, forse per un non amore che non sentivo più dentro di me e invece ho scoperto che mi mancava, avevo solo bisogno di qualcuno che mi rifacesse sentire la passione per la cucina. E devo ringraziare Mara per questo, la fidanzata di mio padre. 
Lei che ama cucinare è riuscita a farmi rinnamorare di tante cose che ho fatto e che facevo ma che ad un certo punto della mia vita non ho più fatto.
 Ho sempre collegato la cucina al bisogno di amare o di essere amati e mai come adesso ne ho avuto conferma.
Perchè cucinare per qualcuno o per se stessi è solo un atto di amore e quando si smette di farlo significa che l'ingranaggio si è spezzato per qualche motivo e non tutto gira come dovrebbe. 
Ho riscoperto che cucinare mi fa sentire bene e mi fa vedere le cose da un'altro punto di vista che adesso apprezzo molto di più.
Quindi domenica mi sono cimentata nel fare la crostata con una marmellata fatta da me (per la prima volta) con la frutta degli alberi di mio padre e ho fatto per la prima volta il rotolo di nutella.
Chissà perchè quando le cose si fanno poi sembrano molto più semplici.
Impastare per me era come superare una montagna e pensavo che non avrei imparato mai.
Sembro infantile e lo capisco. Alla mia età e con un figlio di 20 anni ho ancora paura a cimentarmi in ricette che penso io non sia in grado di fare. Quando ero una moglie cucinavo molto ma poi dopo ad un certo punto ho smesso. Ero da sola e non avevo più tanta voglia di fare. Solo quando avevo mio figlio mi cimentavo a fare qualcosa ma a quel punto penso che con gli anni mi sia impigrita molto tanto da arrivare e decidere di smettere totalmente. E allora solo bistecche, pomodori o insalate. Niente cose cucinate in forno o che richiedevano molto tempo.
E invece adesso ho voglia non solo di imparare a fare cose che fino ad adesso non ho mai fatto ma ho anche voglia di tornare alle origini delle cose. Impastare e fare senza comprare.
Forse una nuova fase della mia vita... una rinascita credo e spero che duri.
 
 

19 commenti:

  1. :-) Io non ho mai amato cucinare. Di fatto pasticcio in cucina ma non posso definirmi una gran cuoca. Ho iniziato a voler cucinare quando son andata a convivere. A casa dei miei la competizione con mia madre è alta e io non reggo il confronto: lei è troppo brava..è mamma :-)
    Il la me l'ha dato il mio fidanzato/compagno,con i suoi "mmm buono,fallo ancora" e le cene con gli amici,suoi,che apprezzavano sempre tanto. Da sola, con una coinquilina che in cucina non mangia nulla e soprattutto quel pò che mangia è pure di pessima qualità, ho perso la voglia. In dieci mesi di convivenza non ho mai acceso,mai mai,il forno. Io che sfornavo almeno una crostata e una lasagna a settimana. Cucinare solo per me,per quanto ami mangiare, non mi dà soddisfazione. Quindi ti capisco. E non sai quanto mi manchi la possibilità di cucinare,sperimentare,nella casa con la coinquilina...vorrei una casa mia... (lei odia anche certi odori e se mi distraggo un attimo butta via cose che lei,ovviamente,non usa - non cucinando - ma non sopporta di vedere...)..verranno tempi migliori. Spero!! :-) Il tuo rotolo mi ha fatto venir fame!! :-) E la crostata è il mio dolce preferito!! Brava!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sulle crostate ci devo lavorare un attimo con le marmellate - adesso sto facendo esperimenti sul rotolo di Nutella che mi diverte un casino - non pensavo fosse così facile

      tipo quando ho scoperto come fare la besciamella :)

      Forse se non fossi nata a Roma ma in qualche paesino... magari avrei anche imparato a impastare il pane

      Elimina
    2. Impastare il pane non è difficile. Se ci riesco io :-) Fidati! Solo che col lievito madre devi star dietro,molto,al lievito appunto. Con quello di birra normale no,ma il risultato è diverso. Se hai il forno a legna viene una bontà! Ma io lo inforno anche in quello elettrico o a gas. Cioè..infornavo...Dove vivo con la coinquilina no.. :-( Il rotolo io lo trovo di una difficoltà immane!! Ecco,facciamo che io ti insegno a impastare il pane e tu a fare il rotolo?Basta comprare un mega barattolone di Nutella,che sia sul rotolo che sul pane caldo ci sta da Dio! :-)

      Elimina
  2. Ciao Elisa, mi fa piacere che tu abbia riscoperto la cucina, sai ho sempre amato cucinare e anche io ho un po' perso la vofglia di farlo, forse le insoddisfazioni ci portano a trascurare i nosti piaceri,forse il non essere apprezzati fino in fondo, chissà, sicuramente è più piacevole farlo per gli altri che per noi stessi, da quello che vedo sei anche brava e allora continua a farlo, per te e per chi ti vuole bene, ti do un grande abbraccio, a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si farlo per gli altri... assolutamente e conseguentemente anche per se stessi

      Elimina
    2. Hai ragione, perciò aspetto tue nuove ricette.

      Elimina
  3. Già, ma poi chi mangia la crostata o il rotolo di nutella? troppe calorie da smaltire poi.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. basta regalare a colleghi ed amici...

      Elimina
  4. Per me cucinare è sempre stato uno stress e adesso è ancora peggio: mio marito vuole dimagrire, mio figlio dovrebbe ingrassare, io devo fare attenzione al fegato perchè prendo già delle medicine che non gli fanno bene...Siamo in tre e dovremmo mangiare in tre modi diversi, per non parlare di quando c'era anche mia madre che faceva quattro. Per non parlare del tempo che occorre e di tutte le pentole e i piatti che bisogna lavare. Insomma, per cucinare cucino, ma non riesco proprio ad appassionarmi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non pensavo con questo post di conoscere anche altre realtà culinarie che non sospettavo perchè non sono state mie... in fondo è interessante

      Elimina
  5. Anche per me cucinare ha un senso se cucino per altre persone, mi piace invitare a cena ; la routine no.
    Per me solo toast e pizza!
    Quella crostata è favolosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ho solo tre posti a tavola...difficile fare cene... però quando vado al mare mi sfogo

      Elimina
  6. P.S: scusa il ritardo ma la Telecom ci ha... lasciato in braghe di tela! Mi sto arrangiando con una chiavetta :-(

    RispondiElimina
  7. opss... ma il mio commento precedente al "p.s." è scomparso :-o Ti avevo scritto che è molto bello che tu abbia recuperato una passione che sembrava sopita! Spero davvero che continuerà! ;-)

    www.wolfghost.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie...sei sempre carino!! ...spero di si

      Elimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. tatatatan... eccomi qua pronta a tua disposizione se vuoi impastare e cucinare puoi andare sul mio blog e vedere se trovi ricette che ti piacciono. Sono contenta di rileggerti dopo tanto tempo e trovare che, come me, ti è emersa una passione latente che non pensavi ti potesse donare tanto. Mi piace moltissimo come descrivi questo processo. Anche per me cucinare è esprimere amore per la vita, gli ingredienti che scegliamo, come combinarli, l'attenzione che mettiamo. Un rito una trasformazione che ci aiuta a ricaricarci e non è mai tempo sprecato. Un bacione e spero di ritrovarti prestissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie vado a dare un'occhiata subito...
      Ieri sera ho fatto la torta di cioccolato e pere... che buono il profumo per casa

      Elimina