Pagine

martedì 14 gennaio 2014

Ancora Jhoanne Harris



IL GIARDINO DELLE PESCHE E DELLE ROSE
 

Il vento ha ricominciato a soffiare. Vianne Rocher lo sa: è un segnale, qualcosa sta per succedere, non ha altra scelta che seguirlo e tornare a Lansquenet, il villaggio dove tutto è cominciato, il paese dove otto anni prima aveva aperto una cioccolateria. Qui, adesso come allora, regnano ancora la diffidenza e i pregiudizi, ma molte cose sono cambiate. Il profumo delle spezie e del thè alla menta riempie l'aria, donne vestite di nero camminano veloci e a capo chino per le viuzze e di fronte alla Chiesa, sulla riva del Tannes, è stato costruito un minareto. All'inizio la convivenza tra gli abitanti e la comunità musulmana era stata tranquilla e gioiosa, ma un giorno tutto era cambiato ed erano iniziate le incomprensioni, le violenze, il fuoco. Il curato Francis Reynaud è disperato e vuole a tutti i costi salvare la sua comunità e tornare all'armonia di una volta. E ha capito che solo una donna può aiutarli, Vianne, l'acerrima nemica di un tempo. Solo lei potrebbe portare la pace, solo lei potrebbe capire gli occhi diffidenti e impauriti delle donne che si celano sotto il niqab. Ma soprattutto solo lei può comprendere l'enigmatica e orgogliosa Inès. Ma non è facile leggere la paura e sconfiggere le ipocrisie e le menzogne che serpeggiano tra le due comunità.
Questo 3 libro che continua il fortunato libro di Chocolat, è assolutamente godibile fino alla fine. Ritrovo la mia cara Vianne, che già ho amato in Chocolat. La magia di una tazza di cioccolata e del profumo delle cose. La cucina come cura e come culla di amori e affetti.
Due culture differenti nella tolleranza crescono e si arricchiscono sempre. Di nozioni, sentimenti, punti di vista e pensieri. E’ l’intolleranza e l’odio a separare due mondi che possono convivere vicini anche se sono lontani.
Le donne accolgono sempre e si mettono in gioco oltre a cercare dialogo e condivisione. Poi ci sono donne che invece sono sempre intolleranti non solo con gli altri, ma anche con i vicini e con se stesse. Questo libro racconta la vita, le regole e le leggi di comunità diverse ma uguali, quando la prepotenza e l'ignoranza si affacciano a rovinare tutto. 
Mi è piaciuto tantissimo e inoltre mi ha aiutato a concentrare sul altro i miei pensieri in questo momento piuttosto funesti. Grazie Vianne

2 commenti:

  1. Che bello!!!! mi piace e me lo segno nella lista dei desideri di anobii!
    A parte Chocolat qual è l'altro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il seguito di chocolat è scarpe rosse
      ciao cara

      Elimina