Pagine

venerdì 5 ottobre 2018

La Reggia di Caserta e le sirene


E' stato proprio in  questo posto che ho saputo della vera origine delle sirene, e lo voglio raccontare.






In una delle sale c'era una bellissima statua in oro (foto) che sembrava un angelo e invece era una sirena. Questo perchè nell’antica tradizione greca e romana, le sirene era dotate di ali, un volto seducente e un corpo statuario, con seni ben fatti, fianchi espansi, cosce tornite che, a partire dal ginocchio, divenivano arti e zampe di volatile.
Il ruolo di queste creature era legato all’Ade perchè, con i loro canti melodiosi, rinfrancavano le anime che si accingevano ad entrare nell’Aldilà. Molto probabilmente il mito s’era sviluppato attorno ai gridi di colonie di gabbiani che, alla distanza, sembravano canti di donna, all’interno dei quali era possibile immaginare qualche parola. I naviganti che si fossero fatti ammaliare da questi melodiosi fraseggi, avrebbero diretto la prua verso le sirene, naufragando su scogli poco evidenti dalla nave.
Nel Medioevo cristiano, probabilmente in seguito alla fusione di queste figure con miti analoghi provenienti dai mari dell’Europa settentrionale, le sirene non vennero rappresentate più con le ali e le zampe d’uccello, ma con la coda di pesce. Questo mutamento iconografico si impose quasi certamente per differenziare creature mostruose dagli angeli che, a partire dal III secolo, furono rappresentati nella forma che ben conosciamo.
Le sirene pisciformi furono scolpite nelle chiese romaniche, imprigionate dalla costruzione stessa, in molti casi costrette a sostenere, come capitelli, gli edifici. La pulsione primitiva veniva così catturata dalla pietra divina e finalizzata al bene. La più ampia raffigurazione di sirene, nella pittura, si attesta però nel XIX secolo quando rappresentarono inequivocabilmente la donna fatale, irresistibile, che porta l’uomo a certa rovina.

L'immagine può contenere: spazio al chiuso

7 commenti:

  1. Certo che la cristianità ne ha fatti di danni.
    Non conoscevo la storia, grazie!

    RispondiElimina
  2. mai stato alla reggia di caserta. ripasserò a leggere con comodo: m'interessa.
    lieto giorno

    RispondiElimina
  3. la sirena come l'attrazione è sovente un bruciante o addirittura fatale inganno.
    non ero a conoscenza dell'antica tradizione.
    buon giorno

    RispondiElimina
  4. Grazie per le interessanti informazioni ..... bellissima la reggia di Caserta!!!
    Baci

    RispondiElimina
  5. Perdona se entro di botto in questo tuo spazio, ma queste margini mi hanno colpito. Ho una cara amica che mi ha parlato di questa magnifica Reggia e quindi... un giorno o l’altro spero di poter visitare. Grazie. Buona continuazione di giornata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no figurati, è un piacere. Spero che riuscirai ad andare perchè vale ma ci vuole una giornata per poter vedere tutto e io dovrò tornare per visitare il parco.

      Elimina