Pagine

venerdì 31 marzo 2017

Campo Sommati

Sono rientrata dopo una settimana dal Campo di Sommati con la Protezione Civile, è tra Saletta e Amatrice, dove ho visto con i miei occhi la più totale devastazione. Non è rimasto in piedi niente e quello che è rimasto in piedi è da abbattere per i gravi danni strutturali. Sembra un territorio bombardato e si pensa più facilmente ad una guerra che al terremoto. Noi stiamo dando ancora sostegno alla popolazione cucinando i pasti caldi di chi è ancora in tenda o roulotte, oltre all'esercito che sta predisponendo le piattaforme dove verranno posti i prefabbricati. Sapevo che non sarebbe stata una passeggiata, per diversi motivi. 250 pasti a pranzo e 190 a cena... Fisicamente devi superare i primi 3 giorni, dall'alba alle 5 e 30 fino a mezzanotte... colazione, preparazione pranzo e sistemazione mensa per ricominciare per la sera e poi pulire tutto come il pomeriggio; non ti reggi in piedi, davvero, ma lo fai perchè sai che sei importante in questo momento. Praticamente non hanno più niente e sarà ancor peggio quando tutti i campi saranno chiusi e rimarranno da soli. Perchè i prefabbricati lasceranno il posto ad uno spopolamento anche se momentaneo di forze di polizia, esercito, volontari, dove ci sarà solo la solitudine dei pochi superstiti che tenteranno faticosamente di far rivivere posti completamente distrutti. Anche far  ripartire il turismo non sarà una passeggiata. Non ci sono più alberghi o agriturismi o ristoranti e il paesaggio che è di una bellezza unica sarà l'unica cosa rimasta su tutto il territorio. La conca amatriciana non esiste più. Le persone rimaste sono la ricchezza più grande di questo territorio. Hanno e trasmettono una forza incredibile, non si arrendono e malgrado tutto vogliono disperatamente farcela. Io ho conosciuto un'insegnante che dopo il crollo dell'alberghiero di Amatrice è stata riassegnata a Rieti e ogni giorno a 64 anni si fa 120 chilometri per andare a lavorare, rientrare e correggere i compiti. Dentro ad una tenda ancora, con tutti i disagi del caso, bagno compreso. Eppure ho sentito uscire dalle sue labbra parole di conforto e di ringraziamento che non dimenticherò mai. Una persona bellissima, una sopravvisuta alla morte. Con tante cicatrici sul corpo e nell'animo che invece ti insegnano veramente cosa è importante nella vita.



22 commenti:

  1. Bé, intanto complimenti: fai una cosa bellissima!
    Penso che chi veda queste situazioni da "fuori", dalla televisione o dalla stampa, non si renda conto, non possa rendersi conto, di cosa voglia dire perdere tutto, restare anche senza ciò che diamo quasi tutti per scontato: una casa.
    Spero tanto che chi ha scelto di rimanere riesca a farlo anche nel lungo periodo, perfino contro ogni probabilità.
    www.wolfghost.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I volontari stanno supportando da mesi la popolazione e tutte le forze impiegate in questa emergenza-situazione. Non è facile e soprattutto ha un termine. Quando chiuderanno i campi amen... la popolazione sarà davvero da sola al proprio destino. Non ci sono negozi e bisogna andare molto lontano per fare la spesa quindi credo che sarà veramente dura, soprattutto per gli anziani che non sono muniti di auto. Una macchina della guardia di finanza è stata fermata da una signora anziana che stava piangendo in mezzo alla strada... ha fatto delle richieste e sono venuti da noi per aiutarla. Che dire. La tv non ti fa veramente rendere idea di quello che stanno passando quelle persone - sopravvissuti ad una tragedia che non è ancora finita.

      Elimina
    2. Cambiano i governi, restano le situazioni. Ma l'uso dei media rimane lo stesso :-(

      Elimina
  2. Stavo attendendo i tuoi racconti di questa intensa esperienza.. ne trovo oggi uno che mi fa piacere leggere.. sarà stata certamente una gran prova questa che hai intrapreso...siete grandi davvero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao vediamo per un caffè e ti racconto

      Elimina
  3. Complimenti, credo ci voglia non solo forza fisica ad affrontare queste realtà dal di dentro, anche tanto coraggio !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il coraggio ti viene perchè ogni situazione che affronti è unica e non sei mai preparata. Che sia un allagamento, un fronte incendio, una maratona o altro devi sempre essere all'altezza e lo trovi il coraggio perchè è quello che hai deciso di fare per aiutare la gente.

      Elimina
  4. Elisa, l'Italia è fatta da gente coraggiosa. Che non si arrende anche se ne avrebbe tutti i motivi.
    E da persone come te (il volontariato) che incuranti della fatica portano conforto e sostegno a chi ha bisogno.
    In tutto questo, lo stato è lontano, si riempie la bocca di promesse inutili e abbandona chi ha bisogno.
    Un grazie a te e un abbraccio a chi non si arrenderà nemmeno questa volta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aggiungo solo una piccola cosa. Farei fare una settimana ai nostri governanti tra queste persone. Dovrebbero parlarci e allora si che capirebbero.

      Elimina
  5. Anche tu sei una persona straordinaria! Hai fatto davvero una cosa bellissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie... non sono straordinaria. Semplicemente è il mio karma

      Elimina
  6. Complimenti sei stata bravissima, non è da tutti riuscire a fare una cosa del genere. Forza fisica e ancor più forza d'animo per affrontare una situazione così devastante. Povera gente, così determinata e coraggiosa che deve assistere, impotente e delusa, all'assenza dello Stato. Povera Italia, per fortuna ci sono tante persone che hanno buon cuore e tanta generosità (anche solo morale!!!) visto che i soldi ormai vanno da tutt'altra parte....
    Un forte abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il problema è che ormai non ci crede nessuno per tanta ruberia e disonestà... e noi fatichiamo a trovare soldi per comprare il fieno e le balle per gli animali nelle stalle o anche i croccantini per i gatti e i cani randagi... ci mettiamo la faccia, il tempo e il cuore, ma non basta ... non c'è più fiducia

      Elimina
    2. Hai ragione, purtroppo è così, ne sentiamo e vediamo troppe tutti i giorni, anche cose mai immaginate e la fiducia se ne và.......per fortuna c'è un sacco di brava gente che il buon cuore non lo perde mai e piano, piano i miracoli succedono!!!
      Tantissimi auguri di Buona Pasqua.

      Elimina
  7. bisogna avere la forza di continuare e i miei compaesani lo faranno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo di si, malgrado tutto

      Elimina
    2. Complimenti!
      I blog buoni sono nascosti.
      Ora ne sono certo.

      Elimina
    3. Ti ringrazio... il tuo è davvero molto interessante e di alto livello...finalmente qualcosa di bello da leggere. Ciao

      Elimina
  8. Sono sempre più convinta che l'Italia vada avanti grazie ai volontari coraggiosi come te. Leggevo che un albergatore in pensione a Limone in Piemonte ha dato gratis il suo albergo ad un ristoratore umbro che ha perso tutto nel terremoto. Un grande applauso ai volontari e un complimento a te. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie... andiamo dove ci porta il cuore

      Elimina
  9. brava. e una bella esperienza.
    però non credo nella ricostruzione in certi casi di grave devastazione. anche se capisco i legami e gli interessi economici. buon giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ricostruire con criterio o con case di legno ma certo non come prima

      Elimina